Condivido

Quello che mi affascina di più del Web 2.0 è il potere della condivisione.

Ci avete pensato a quanto poco la parola “condividere” facesse parte del nostro vocabolario, prima dell’avvento di Facebook? La maggior parte delle persone nella vita reale non riesce a concepirne lo spirito, le potenzialità. Che si parli di idee, di beni di consumo, di saperi, edifici o spazi, tutto è proprietà privata e quello che è mio è mio, e quello che è tuo vorrei che fosse mio.

Ho trovato semplicemente grandiosa l’idea di condividere un aiuto concreto grazie a Liberi di Muoversi.

Ieri, poi, quando mi sono trovata a brancolare nel buio ed un po’ per gioco e per desiderio di sorpresa, mi son sentita dire: «Chiudi gli occhi! Vieni avanti! Aprili solo quando te lo dico io! Avanti, avanti, tranquilla, non c’è niente di fronte a te, vieni, altri tre passi», è stato automatico pensare a Liberi di Muoversi. In quella situazione, giocosa, preventiva rispetto al momento in cui aprendo gli occhi si sarebbe materializzato un Barbecue nuovo di zecca, ho pensato a quanto determinanti potessero essere stati i suggerimenti, la voce di chi mi guidava. A quanto ne avessi avuto bisogno, a quanto sarebbe stato difficile affrontare la stessa situazione senza i suoi preziosi consigli.

L’idea è diventata sempre più una esigenza. E come diceva un amico di Sqcuola di Blog, se prima di conoscere Liberi di Muoversi, entrando in un locale nel meritatissimo fine settimana, il primo pensiero fosse scrutare gli orizzonti alla ricerca di qualche bel ragazzo/a, adesso si controlla meticolosamente in quest’ordine se:

  • Esiste un ingresso privo di gradini o previsto di rampe
  • La porta è abbastanza larga da permettere il passaggio ad una carrozzina
  • Gli arredi intralciano i passaggi
  • I bagni sono agevoli per un disabile
  • Il locale è previsto di un piano superiore; e se sì, esiste un ascensore regolamentare per poterlo raggiungere

Dopo questa prima analisi, siamo quindi in grado di segnalare su Liberi di Muoversi l’accessibilità del luogo. Come con le luci del semaforo, daremo un bel verde se abbiamo risposto di sì a tutte le domande; consiglieremo prudenza con un giallo se è necessaria cautela perché alcuni servizi accessori del locale non sono raggiungibili e diamo un bel rosso, ovvero un “da evitare”, se mancano i requisiti fondamentali (bagni idonei o scarsa ampiezza della porta d’ingresso).

Perché farlo? Innanzitutto fare del bene significa rendersi utili. E rendersi utili, si sa, fa bene alla salute. Se poi sei particolarmente smartphone addicted come lo sono io, il passo tra condividere la causa e appassionarsene è brevissimo.

Non bisogna essere particolarmente ingegnosi o creativi per partecipare. Tra i requisiti richiesti ci sono semplicemente: essere persone comuni, di qualunque credo politico, sessuale e religioso, che nella vita privata svolgano qualsivoglia mestiere e che condividano l’idea di comunità e condivisione.

Tutti sogniamo un Paese migliore. Da oggi un click può aiutare.

Laura Soma

About these ads

Informazioni su domunostra

The authors of this blog come from the region of Sardinia, or Sardegna, as we say, one of the two biggest Italian islands (the other being Sicily). Sardegna is widely famous for its unrivalled white sand beaches, its enchanting eco –treasures and outstanding secluded coves to be explored. Being distant from the rest of Italy, Sardegna’s history has been quite different from the rest of the bel paese’s and has built unique traditions and cultural habbits, an own language and a flag as well as an exquisite cuisine. Given our passion to travel, we will share with you Sardinian, Italian an worldwide recipes through the virtual pages of this diary. Because food fill Italians’minds intrusively and continually. It is not just a question of mixing ingredients and see if it tastes good. For many people in Italy, cooking is a family affair: it means spending time together, modifying mums’ recipes and consulting grandmothers and anties about their cooking secrets.
Questa voce è stata pubblicata in #liberidimuoversi e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...